Da dove hanno preso il nome i mesi del calendario?

Eva Mohyrova
Eva Mohyrova
N
Nel corso degli anni ci siamo abituati ai nomi dei mesi sul nostro calendario. Ma hai idea da dove vengono questi nomi? In questo articolo esploriamo come a ogni mese, da gennaio a dicembre, si è dato il suo nome.
Reading Time: 5 minutes

Sappiamo tutti che l’anno inizia con gennaio e termina con dicembre (e comprende altri 10 mesi nel mezzo). Ma ciò che molti di noi non sanno è come questi mesi hanno preso il loro nome. Che tu ci abbia mai pensato, oppure no, alla fine di questo articolo avrai la risposta. E ti promettiamo che sarà divertente.

 

GENNAIO

Gennaio è il mese in cui la maggior parte delle persone riflette sulle proprie vite, fa propositi e inizia ad avere molte speranze e aspettative per il prossimo anno. Con questo in mente sembra logico che gennaio prenda il nome dal dio romano Giano.

Nella mitologia romana, Giano ha due teste che guardano nella direzione opposta. Una testa guarda al passato, osservando l’anno che se ne è andato, mentre l’altra guarda al futuro, sperando nel meglio per l’anno che verrà.

Giano è il dio dei ponti, delle porte, degli ingressi e di altre cose che rappresentano inizi, fini e transizioni.

 

FEBBRAIO

Febbraio è il mese più corto dell’anno. Ma per le persone che vivono in climi freddi e nevosi, spesso sembra il più lungo.

Una delle cose più interessanti di gennaio e febbraio è che questi due mesi non esistevano all’inizio. Il calendario romano originale aveva solo 10 mesi fino al 713 a.C., quando Numa Pompilio decise di aggiungerne altri due al calendario. Voleva conformarsi al tempo impiegato dalla Terra per girare attorno al Sole.

Febbraio è stato intitolato a Februa, la festa romana della purificazione, durante la quale le persone venivano lavate nei rituali. Tuttavia, in Inghilterra per molto tempo non veniva chiamato così. L’inglese antico aveva due nomi per questo mese: Solmonath (“mese di fango”), che era il più comune, e Kale-monath (“mese del cavolo”), che era meno usato.

 

MARZO

Marzo oggi è il terzo mese dell’anno, ma non è sempre stato così. Il suo nome deriva dalla parola latina Martius (dal nome di Marte, che era il dio della guerra nella mitologia romana). Questa associazione è probabilmente dovuta ai romani che utilizzano questo mese per iniziare i preparativi per l’imminente “campagna estiva“.

Nel calendario romano, Martius era il primo mese dell’anno, e lo è ancora nell’era moderna in alcune culture e religioni.

 

APRILE

La parola “aprile” è in circolazione da prima del 700 a.C., proprio come i nomi di molti altri mesi. Tuttavia in questo caso non possiamo affermare la sua origine con sicurezza, sebbene ci siano alcune teorie comuni.

Secondo una di queste, la parola “aprile” deriva dal latino “aprilis”, che a sua volta deriva da un’altra parola latina, “aperire”, che significa “aprire”. Nell’emisfero settentrionale, aprile è il mese in cui alberi e fiori iniziano a fiorire, e questo potrebbe spiegarne il nome.

Secondo un’altra teoria, aprile è uno dei tanti mesi del calendario gregoriano intitolato a dei e dee. In questo caso, April o Aphrilis potrebbero derivare da Afrodite, la dea greca dell’amore (chiamata Venere nella mitologia romana).

 

La parola "aprile" deriva dal latino "aprilis", che a sua volta deriva da un'altra parola latina, "aperire", che significa "aprire".

 

MAGGIO

Maggio potrebbe un nome in onore della dea Maia, ma non si sa quale Maia esattamente, in quanto ne esistevano due.

La dea greca Maia era la madre di Hermes, che in seguito divenne il messaggero di tutti gli dei greci. Era una delle Pleiadi, che erano considerate le compagne di Artemide.

Anche i romani avevano però una dea chiamata Maia. Il suo nome deriva dalla parola latina “maius” che significa “grande”. Era la dea comunemente associata alla primavera e all’agricoltura.

 

GIUGNO

Giugno viene da iunius, che significa “sacro a Giunone”. Giunone è il nome di un’altra dea romana, il cui ruolo nel pantheon romano era simile quello della dea greca Hera.

Giunone era la dea protettrice di Roma. In alcune fonti (come l’Eneide di Virgilio) viene descritta come crudele. In altre è invece descritta come la dea della nascita e del matrimonio. In effetti molte persone erano solite sposarsi a giugno perché credevano che avrebbero ottenuto la benedizione di Giunone—e la tradizione continua ancora oggi.

 

LUGLIO

Luglio fu inizialmente chiamato quintus (“quinto mese” in latino) ma fu in seguito ribattezzato in onore del politico romano, generale militare e storico Giulio Cesare.

In realtà è stato Cesare a cambiare il sistema del calendario e ha inventato quello che usiamo ancora oggi. È stato lui a introdurre un anno di 365 giorni, con anni bisestili che ricorrono ogni quattro anni e consistono di 366 giorni.

 

AGOSTO

Proprio come luglio, agosto aveva un nome diverso all’inizio. Si chiamava sextilus (“sesto mese” in latino). Solo nelll’anno 8 a.C. il mese fu ribattezzato in onore di Augusto Ottaviano Cesare, che fu il primo imperatore romano.

Augusto era il pronipote di Giulio Cesare. Il suo nome di nascita era Gaius Octavius, ma lo cambiò dopo l’assassinio di Cesare. Nel 44 a.C. ha assunto il nome di Gaio Giulio Cesare Ottaviano, anche se viene spesso indicato come Ottaviano in molti testi.

Nel 27 a.C. divenne imperatore e ricevette il titolo onorifico Augustus.

 

Proprio come luglio, agosto aveva un nome diverso all'inizio.

 

SETTEMBRE

Nel calendario romano originale, settembre era il settimo mese dell’anno, da cui il suo nome.

La parola deriva dalla radice latina “septem” che significa “sette”. Inizialmente, ai sei mesi precedenti del calendario romano di dieci mesi sono stati assegnati nomi in base al loro numero. Mentre luglio e agosto sono stati rinominati in seguito, settembre e i mesi successivi rimangono ancora nominati come numeri.

 

OTTOBRE

Ottobre viene dalla radice latina “octo” che significa “otto”, come probabilmente hai già indovinato. Quel nome è entrato nell’inglese antico tramite il francese antico e con il tempo ha sostituito il vecchio nome del mese, Winterfylleð (“mese invernale”).

 

NOVEMBRE

Proprio come i suoi due predecessori, anche questo mese prende il nome da una radice latina. In questo caso, è “novem”, che significa “nove”.

Nell’inglese antico, questo mese era chiamato Blōtmōnað (“mese del sangue”). Questo nome morboso fu scelto perché novembre era il periodo in cui i primi sassoni si rifornivano di cibo per l’inverno. Furono fatti molti sacrifici di animali e molto sangue animale fu versato.

 

DICEMBRE

Anche dicembre è formato da una radice latina: “decem” che significa “dieci”. Nell’antico inglese, il mese era chiamato Ǣrra Gēola o Gēolmōnað (“mese yule”).

I primi sassoni chiamavano dicembre e gennaio “yuletide”, un periodo durante il quale si celebrava la stagione di metà inverno. Ecco perché è stato scelto il nome Gēolmōnað.

 

I MESI SONO SOLO L’INIZIO

L’inglese contiene molte parole prese in prestito, e i nomi dei mesi non fanno eccezione. Ora che sai da dove provengono, puoi usare queste informazioni per dimostrare le tue conoscenze ad amici e parenti durante le vacanze o ispirarti a esplorare ulteriormente la tana di coniglio del linguaggio. Possiamo prometterti che ci sarà molto altro in arrivo!