Come usare con successo gli emojis nelle tue campagne di marketing

Hello Yuqo
Hello Yuqo
C
Con quasi tutti gli utenti di Internet che usano gli emoji, i loro vantaggi per le aziende sono evidenti. Il successo dell'integrazione di emoji nelle campagne di marketing richiede di sapere quando una cosa buona usata in modo eccessivo può infastidire i clienti.
Reading Time: 4 minutes

Se tiri indietro l’orologio fino al 1999, l’anno della loro ideazione, diventa difficile credere che le aziende integrino oggi gli emoji in campagne pubblicitarie di successo. Se utilizzati su piattaforme di social media come Facebook o Twitter, gli emoji possono aumentare il coinvolgimento dei clienti fino al 25%.

 

 

LA DIFFUSIONE DEGLI EMOJI

Gli emoji sono arrivati a conquistare un posto nel dizionario di Oxford. La “faccia con le lacrime di gioia” è stata eletta “parola dell’anno” nel 2015. La premessa per il loro successo si trova già nel nome. Generalmente utilizzato per trasmettere un’emozione, gli emoji hanno un impatto più profondo rispetto al solo testo. Oggi vediamo persino esempi di utilizzo di emoji nelle e-mail professionali. Il semplice motivo risiede nel fatto che possono ottenere qualcosa che le parole non potrebbero mai raggiungere. Aggiungono un significato sottinteso che non è vittima dell’ambiguità di tono che può facilmente verificarsi con il testo scritto. Con la grande quantità di contenuti che circolano oggi sul web, gli emoji aiutano a chiarire i significati e allo stesso tempo ad attirare l’attenzione. Questo è particolarmente vero quando si tratta di piattaforme social media. Ecco un primo esempio di come gli emoji chiariscono il tono:

“Oggi sono sotto la neve, non riesco a uscire a cena. Ti chiamo più tardi “.

Oppure:

“Oggi sono sotto la neve, non riesco a uscire a cena. Ti chiamo più tardi. :kissing_heart: “.

Nel primo esempio, la dichiarazione potrebbe essere percepita come fredda, che cerca di liberarsi dell’interlocutore. Aggiungendo un’emoji alla fine del messaggio, il destinatario del sa che c’è ancora l’intenzione di vedersi. Questo viene capito in un istante, senza la necessità di aggiungere un paragrafo per tentare di spiegarsi meglio.

 

Questo viene capito in un istante, senza la necessità di aggiungere un paragrafo per tentare di spiegarsi meglio.

 

PERCHÉ USARE EMOJIS NEI SOCIAL MEDIA?

Dato che non sembra la cosa migliore iniziare ad aggiungere emoji con occhi ammiccanti e labbra che mandano baci nella campagne di marketing, come si possono invece usare con successo per coinvolgere i clienti attuali e potenziali? Gli utenti spesso sperimentano un sovraccarico di informazioni durante la navigazione sui social media e gli emoji sono uno strumento utile per aiutare a far risaltare un messaggio o una campagna. Uno studio condotto dall’Università del Minnesota ha rilevato che gli emoji non hanno nemmeno bisogno di essere supportati dalle parole per fornire un contesto. Ci sono persino libri di poesia che costruiscono un’intera narrazione usando solo questi simboli. I tweet possono essere brevi e dolci, concentrandosi su testo ed emoji specifici, piuttosto che cercare di inviare un intero messaggio di marketing attraverso più tweet. Separare o incorniciare frasi chiave con emoji è più accattivante e consente al pubblico di capire esattamente cosa stai cercando di dire.

Ci sono però delle cautele da prendere per fare un uso professionale degli emoji. Il meno è sempre di più. Una campagna di marketing del 2016 di Chevrolet, #ChevyGoesEmoji, ha dimostrato che provare a forzare troppi emoji nella tua campagna può avere risultati contrastanti. Per darsi un po’ di credito, hanno in seguito pubblicato una serie di video su YouTube e di post su Twitter con lo scopo di aiutare gli utenti a “decodificare” il significato. Però ricorda sempre che gli emoji sono lì per offrire un messaggio semplificato, ma che ha ancora un significato. Se il pubblico di destinazione ha bisogno di decodificare il tuo messaggio come fossero geroglifici, potrebbe essere il momento di ripensare la tua strategia.

 

CONOSCI IL TUO PUBBLICO

It doesn’t matter whether you are a garden centre, farm, or even a well-known grocery store, the aubergine/eggplant emoji will always mean one thing and one thing only… Knowing what emoji you are using and who it’s intended for are still the most important questions to ask yourself. With a whopping 92% of online users incorporating emojis in some way, it’s safe to say that nearly all audiences will respond well to their use. Also, something to consider is that frequent use of emojis from female users is significantly higher than that of their male counterparts. Furthermore, individual cultures perceive emojis differently, as do different countries around the world. If you are a multinational brand, it would be foolhardy not to take time to understand the relevance of your chosen emojis in the countries you intend to use it. The art of transcreation can be invaluable in tweaking your marketing campaign to cater to diverse audiences.

 

The art of transcreation can be invaluable in tweaking your marketing campaign to cater to diverse audiences.

 

UN GRANDE ESEMPIO DI USO DEGLI EMOJI

Quindi, ora conosciamo il nostro pubblico, capiamo il significato percepito dei nostri emoji scelti e abbiamo una grande serie di tweet pronti per partire. Possiamo ora ottenere un maggiore coinvolgimento? Un eccellente utilizzo degli emoji non consiste solo nell’aggiungerli alla fine di un tweet o di un messaggio per cercare di distinguerli. Si tratta invece di guidare il coinvolgimento dei clienti, chiedendo loro di rispondere allo stesso modo. Questo è qualcosa che la compagnia di pizza Domino’s ha eseguito perfettamente. Usando solo un semplice emoji della pizza, gli utenti possono ordinare una pizza via Twitter senza dover navigare o scegliere vari condimenti dal proprio sito web. Domino’s ha realizzato questo inviando audaci tweet con solo l’emoji della pizza, in piedi forte e orgogliosa nel tuo feed di Twitter. Gli utenti potevano rispondere con la pizza emoji (dopo aver collegato le loro informazioni personali a Twitter) e un ordine sarebbe stato piazzato immediatamente. Questo porta le connotazioni degli emoji un passo avanti: i tweet erano più di un semplice mezzo per mostrare un’offerta. Erano un modo che i clienti potevano usare per rispondere attivamente ed essere ricompensati con l’ordine della pizza.

 

RENDILI RILEVANTI PER IL TUO BUSINESS

Questo approccio non si applica ad ogni azienda, ma fornisce un grande esempio delle infinite possibilità che offrono gli emoji. Le migliori campagne di marketing prevedono una conversazione bidirezionale. Per esempio, chiedere ai clienti di rispondere con un emoji scelto da loro per avere la possibilità di essere inclusi in un concorso a premi è un modo semplice ma efficace per aumentare il coinvolgimento. La cosa bella è che richiede uno sforzo minimo da parte del pubblico, che peraltro è una delle chiavi del loro successo. L’uso degli emoji dovrebbe sempre essere organico, non forzato. Troppi emoji potrebbero sembrare artificiosi, troppo pochi e potresti non distinguerti dalla massa. Gli emoji forniscono agli umani un metodo per riconoscere le emozioni e le intenzioni in un messaggio, senza la necessità di vedere la faccia di qualcuno o di sentire il loro tono di voce. È per questo motivo che l’ascesa dell’emoji non mostra segni di cedimento.