La SEO spiegata: l’effetto di una buona leggibilità

Eva Mohyrova
Eva Mohyrova
Q
Quando si pensa alle variabili che influenzano il posizionamento su Google, spesso la leggibilità non è la prima che viene in mente. Eppure, migliorare la leggibilità può avere un effetto diretto sulla SEO, e creare anche una miglior connessione con il pubblico. In quest'articolo parliamo dell'importanza della leggibilità e di come migliorarla.
Reading Time: 6 minutes

Google impiega nei suoi algoritmi oltre 200 fattori di posizionamento. Mentre alcuni sembrano controversi, ed altri sono pura speculazione, la leggibilità decisamente non lo è.

 

COSA È LA LEGGIBILITÀ?

In breve, la leggibilità è il livello di comodità con cui si può arrivare a comprendere un testo scritto. Una buona leggibilità significa che il pubblico di riferimento non si imbatte in termini sconosciuti ed in frasi troppo lunghe. E anche, che non si deve passare più tempo di quello previsto per tentare di capire il significato generale del testo. Non c’è dubbio che Google misuri la leggibilità di una pagina; forniva perfino un filtro di ricerca basato sul livello di leggibilità e le relative statistiche.

 

Non c'è dubbio che Google misuri la leggibilità di una pagina; forniva perfino un filtro di ricerca basato sul livello di leggibilità e le relative statistiche.
Source: Backlinko

Ma cosa significa tutto ciò, e in che modo potete migliorare la leggibilità di un testo?

 

COME FUNZIONA LA LEGGIBILITÀ?

Non molto tempo fa, “imbottire” di parole chiave era una delle pratiche più comuni per la SEO. Gli autori si trovavano a dover inserire quante più parole chiave possibile per rendere i loro testi più attraenti per la SEO. Nessuno pareva infastidito dal fatto che i testi diventavano difficili da capire – o forse il fastidio c’era, ma i vantaggi di questa “imbottitura” di parole chiave erano troppi perché le si potesse resistere. Oggigiorno tutto è cambiato. La leggibilità di un testo potrebbe non essere specificata come fattore diretto di posizionamento – o perlomeno Google non rende pubblica questa informazione – ma nondimeno ha delle ripercussioni sulla vostra SEO.

Come funziona dunque? Come sapete, il vostro posizionamento viene determinato da parecchi fattori, alcuni dei quali sono in correlazione diretta con la leggibilità. Se il testo appare buono e non è sovraccarico di parole chiave, è più probabile che le persone ci clicchino sopra quando lo vedono nei risultati della ricerca. È inoltre più probabile che leggano il testo fino alla fine, passando di conseguenza un tempo più lungo sul vostro sito.

Tutte queste cose indicano a Google che i vostri contenuti sono validi, facendo così crescere il posizionamento del vostro sito web. Ma naturalmente non si tratta solo del posizionamento: una buona leggibilità potrebbe essere benefica anche per il tasso di conversione. Dopotutto, quando un testo è agevole da leggere, potrebbe trasformare un maggior numero di visitatori in clienti concreti. Proponendo un’informazione utile, ben strutturata, e facile da capire, aumentate la lealtà dei vostri clienti e costruite con essi delle migliori relazioni. Ed una buona connessione umana con il vostro pubblico è almeno altrettanto essenziale ed utile per le vendite che la SEO.

 

 

Ma naturalmente non si tratta solo del posizionamento: una buona leggibilità potrebbe essere benefica anche per il tasso di conversione.

 

COME VIENE MISURATA LA LEGGIBILITÀ?

Vi sono diverse maniere di misurare la leggibilità, dall’uso dei test di leggibilità Flesch-Kincaid, a varie estensioni. Gran parte di queste di solito valutano la leggibilità basandosi sul livello d’istruzione del pubblico. Persone con un’istruzione più alta possono spesso leggere testi più complessi. Secondo Readable.io, il grado generalmente raccomandato per testi di marketing negli USA è 8. Se scrivete su questo livello, il vostro contenuto può venir letto dall’80% degli americani.

 

Gran parte di queste di solito valutano la leggibilità basandosi sul livello d'istruzione del pubblico.
Source: readable.io
 

SEMPLICE O NO?

Ma “più semplice” significa sempre “migliore”? Non per tutti i tipi di pubblico. In settori come quello dello spettacolo, testi più semplici e in generale più leggeri sono maggiormente apprezzati. Tuttavia, se state gestendo un blog connesso ad un’attività professionale, scrivere dei testi il più semplici possibile potrebbe far allontanare i vostri lettori, e portarli a mettere in questione la vostra autorevolezza.

Alcuni autori di blog consigliano di scrivere testi che stiano due livelli di istruzione al di sotto di quello del vostro pubblico. Questa poterebbe in certi casi costituire una buona opzione, ma tutti questi consigli dipendono dal caso particolare. Dovreste sempre considerare ogni situazione singolarmente, tenendo in conto il pubblico ed il settore di riferimento. In qualunque caso, non sacrificate la qualità dei vostri contenuti solo perché pensate che ciò potrà farne aumentare la leggibilità.

 

COS’ALTRO POTETE FARE PER MIGLIORARE LA LEGGIBILITÀ?

Malgrado la natura peculiare di ciascun testo, ci sono alcuni suggerimenti da tenere a mente riguardanti la leggibilità in senso generale, qualunque siano il vostro pubblico e la vostra nicchia. Ecco ciò a cui dovete prestare attenzione se desiderate migliorare la leggibilità dei vostri testi.

 

1: STRUTTURA

Un discorso può essere confuso e mancare di struttura. Un testo però no. È di un’importanza cruciale organizzare le vostre pubblicazioni in modo logico, presentando le informazioni più essenziali e fondamentali all’inizio, e passando poi ai dettagli. Quando scrivete, chiedetevi sempre se il pubblico sarà o meno in grado di seguire le vostre argomentazioni ed il senso generale del vostro messaggio. Ciò potrà aiutarvi a migliorare immediatamente il vostro testo, rendendolo più organizzato.

 

Ecco ciò a cui dovete prestare attenzione se desiderate migliorare la leggibilità dei vostri testi.

 

2: PARAGRAFI E FRASI

Anche se non avete intenzione di escludere dai vostri testi i termini ed i dettagli specifici del settore, potete comunque rendere i testi più semplici. La chiave sta nell’abbreviare paragrafi e frasi. Ciò costituisce anche una parte importante dell’organizzazione di un testo. Quando paragrafi e frasi sono più brevi, è più facile per il pubblico capire, qualunque sia il suo livello. Questo fa sì che il testo abbia anche un’apparenza più semplice (perfino quando non è così semplice come sembra).

 

3: STILE

Naturalmente, ogni autore di contenuti ha il suo stile particolare. Ma anche in questo caso, è possibile migliorare la leggibilità di un testo senza bisogno di cambiare stile o copiare quello di qualcun altro. A prescindere da quanto l’argomento possa essere serio, potete sempre scrivere in maniera più discorsiva. Ciò aiuta a stabilire una miglior connessione con il pubblico, e rende più semplice un testo in maniera naturale. Provate a scrivere come parlate, e vedete la differenza che fa.

 

4: IMMAGINI

Le immagini vanno sempre bene per un testo, poiché le persone sono immediatamente attratte da esse, e le afferrano rapidamente. Inoltre, le immagini possono far apparire un testo come più semplice se le utilizzate nel seguente modo:

 

Una delle cose più importanti, e forse più frustranti da ricordare, è che il vostro posizionamento non crescerà immediatamente dopo che avrete cominciato a migliorare la vostra leggibilità.
Source: SEOPressor

Quando usate le immagini in questa maniera, i lettori non si sentono intimoriti dai testi, specialmente da quelli più lunghi. Ovviamente, nel selezionare le immagini, dovrete scegliere quelle che sono in relazione diretta con il contenuto dell’articolo, altrimenti non faranno altro che confondere il vostro pubblico.

 

5: CARATTERI TIPOGRAFICI E FORMATTAZIONE

Ad alcuni sta bene leggere in piccolo, con dei caratteri dall’aspetto complesso, ma per la maggior parte delle persone non è così. Potete anche scegliere caratteri originali per titoli e sottotitoli, ma il corpo del testo dovrebbe essere scritto in caratteri che siano facili da leggere su uno schermo: quelli standard, “sans-serif”, cioè senza ornamenti. La dimensione raccomandata per i caratteri è di 16 pixel, ma se lo desiderate potete fare degli esperimenti. Assicuratevi soltanto che i vostri lettori non siano costretti a sporgersi in avanti per poter leggere il testo.

Accertatevi anche che l’altezza delle righe corrisponda ad almeno il 150% della dimensione dei caratteri: se il carattere è di 16 pixel, l’altezza della riga dovrebbe essere di 24 pixel. Per quanto riguarda la formattazione, è tutto molto semplice: bisogna impiegare nel testo titoli e sottotitoli (le cui dimensioni dovrebbero essere diverse dal testo). Informazioni di tipo analogo dovrebbero venir strutturate in elenchi con numeri o punti. Potete anche utilizzare grassetto e corsivo per dare enfasi a degli elementi del testo, ma questo dipende solo da voi.

Lo stesso vale per le citazioni: certi siti web inseriscono nel testo delle estrapolazioni che risaltano sul resto della formattazione, ma anche questo dipende dalle vostre preferenze. Una delle cose più importanti, e forse più frustranti da ricordare, è che il vostro posizionamento non crescerà immediatamente dopo che avrete cominciato a migliorare la vostra leggibilità. Ma col tempo ne sarete ricompensati; quindi fate del vostro meglio, non mollate, e lavorate sulla qualità dei vostri testi.