Come le aziende online di successo migliorano il loro posizionamento sui motori di ricerca

Hello Yuqo
Hello Yuqo
G
Generare un maggiore traffico internet per il tuo business online può sembrare un'attività complessa. La soluzione sta nel modo in cui i motori di ricerca ritengono pertinenti e informativi i tuoi contenuti.
Reading Time: 4 minutes

I motori di ricerca sono diventati la forza dominante poiché gli utenti richiedono informazioni rapidamente. Senza Google, Bing o AOL, ci verrebbero presentati milioni di pagine internet da sfogliare. Usando inconsciamente i servizi dei motori di ricerca, molti di noi non considerano ciò che accade “dietro le quinte”. Se sei un imprenditore che cerca di avere successo online, capire come e perché i motori di ricerca presentano le tue pagine web è di vitale importanza.

 

 

LA POTENZA DEI MOTORI DI RICERCA

Quando si parla di motori di ricerca, il leader del gruppo è Google. Con una quota di mercato media del 74,54% e 3,5 miliardi di ricerche giornaliere, Google è importante per il successo della tua strategia di marketing, e quindi per la tua azienda nel suo complesso. Questo non vuol dire che gli altri motori di ricerca non contino.

Aderendo agli standard che determinano alte percentuali di click-through su Google, molte delle quali si concentrano sulla qualità del sito e sui contenuti pubblicati, è possibile apportare miglioramenti al volume di traffico e alla copertura su tutti i motori di ricerca.

I motori di ricerca funzionano esattamente come fanno i tuoi affari. Apprezzano i clienti soddisfatti che ritornano perché hanno trovato quello che volevano quando utilizzavano quel servizio. Google genera i risultati di ricerca più pertinenti per una parola chiave scelta, i quali devono anche essere presentati in un ordine che gli utenti trovano utile. Per raggiungere questo obiettivo, i motori di ricerca hanno dei rigidi parametri che determinano se un sito Web sia rilevante o apprezzato dagli utenti.

 

Quando si parla di motori di ricerca, il leader del gruppo è Google.

 

DIETRO LE QUINTE DI GOOGLE

Abbiamo quindi accennato al framework che guida i risultati delle ricerche e il loro posizionamento su Google. Ma in cosa consiste effettivamente questo framework? A partire dalle cattive notizie, Google utilizza un algoritmo sofisticato che calcola 200 diversi fattori per decidere dove posizionare una pagina. Se ti posizioni primo, apparirai nella prima pagina di Google, in cima alla lista.

Il valore di apparire tra i primi dieci siti classificati per una parola chiave su Google è immenso. Uno studio condotto da Internet Marketing Ninja ha rilevato che il 71,9% delle percentuali di click-through (CTR) si verificava nella prima pagina dei risultati della ricerca. Un piccolo picco di CTR è apparso per i siti presenti nella parte superiore della pagina due, mentre le cifre erano inferiori all’1% per i siti che apparivano più in basso.

A peggiorare le cose, la classifica si basa esclusivamente su quei 200 fattori, senza alcun intervento umano. La posizione che il motore di ricerca ti assegna è la tua posizione. Può andare su o giù in base alla tua adesione ai requisiti dell’algoritmo, ma non può essere modificato chiedendo a Google di aumentare la tua posizione manualmente. Sapere di essere alla mercé di un complicato calcolo scientifico può sembrare scoraggiante, ma ci sono buone notizie. È possibile intraprendere diverse azioni per migliorare il posizionamento del tuo sito web.

 

IL POSIZIONAMENTO SULLA PRIMA PAGINA DI RISULTATI GUIDA IL BUSINESS

Con una tale frequenza di CTR in prima pagina, i nuovi clienti si attirano guadagnando una posizione da 1 a 10. Sia le ricerche sui dispositivi mobili, sia quelle su desktop mostrano una diminuzione dei CTR del 25% circa tra la prima e la quinta posizione. Più vicina alla cima è la tua pagina web, più traffico riceverai.

Google favorisce anche i clic diretti e i backlink da altri siti. Quando i siti web affidabili si collegano ai tuoi articoli o ai tuoi post, possono aiutare ad aumentare il traffico e forse anche la credibilità agli occhi di Google. Maggiore è il traffico su internet ricevuto dai tuoi post, più facilmente Google visualizza i contenuti come pertinenti alle query di ricerca degli utenti. Il ciclo del successo che ti consente di rimanere in cima può però essere interrotto. È necessario pubblicare contenuti con regolarità e coerenza per mantenere il sito “rilevante”.

Sarebbe impossibile avere un sito web ottimizzato per soddisfare tutti i 200 requisiti, e quindi battere il sistema per ottenere una posizione numero 1 ogni volta. L’algoritmo è una formula matematica in continua evoluzione. Le statistiche di SEMrush indicano però diversi modi con i quali puoi aumentare l’autorità delle tue pagine web e diventare prioritario per Google, ottenendo così un posizionamento più elevato. Il tempo trascorso sul sito, le pagine visitate per sessione e la lunghezza del contenuto sono tutti elementi considerati più importanti da Google rispetto all’aggiunta di una parola chiave a corpi di testo, titoli o meta titoli.

 

Con una tale frequenza di CTR in prima pagina, i nuovi clienti si attirano guadagnando una posizione da 1 a 10.

 

MIGLIORA IL TUO POSIZIONAMENTO

Google ama i contenuti, ma non qualsiasi contenuto. Articoli ben strutturati e unici, con posizionamento di parole chiave organiche, sono considerati di gran lunga superiori a una massa di contenuti copiati o poco curati. La stessa cosa vale per i contenuti video e altri tipi di media. Anche riempire forzosamente di parole chiave il contenuto del tuo sito web può essere di fatto dannoso per il suo posizionamento. Anche includere collegamenti interni ed esterni ai tuoi contenuti scritti contribuisce a migliorare il ranking e la popolarità della pagina. Collegamenti esterni a fonti valide e collegamenti interni ad altri contenuti o ai tuoi prodotti e servizi possono essere un enorme alleato nel processo di SEO.

Contenuti rilevanti o di attualità possono essere difficili da quantificare, ma qualsiasi azienda impegnata nel suo settore avrà una comprensione del mercato in cui opera. Fornire contenuti completi sugli argomenti che contano per i clienti è favorito da Google rispetto alla semplice manipolazione delle parole chiave. Frasi facili da leggere, titoli chiari, immagini e link building contribuiscono a fornire un’esperienza che porta gli utenti a tornare.