Come e perché Google punisce i contenuti automatizzati

Steven Mike Voser
Steven Mike Voser
U
Usare applicazioni come Google Translate per le esigenze di traduzione della tua azienda può essere una tentazione. La pubblicazione di contenuti auto-generati potrebbe però avere effetti negativi sui risultati delle ricerche.
Reading Time: 4 minutes

Nel mondo digitale di oggi stiamo sempre cercando nuovi modi di utilizzare le macchine per automatizzare i nostri processi. È quindi una tentazione per le aziende che vogliono tradurre o localizzare i propri contenuti considerare applicazioni per la traduzione automatica come Google Translate. Ma cosa penseresti se ti dicessimo che la pubblicazione di questo tipo di contenuti potrebbe addirittura danneggiare il tuo ranking sui motori di ricerca?

Google ha pubblicamente giurato di avere una posizione dura contro i contenuti e le traduzioni automatizzate. In questo articolo esploriamo come il gigante dei motori di ricerca punisca il contenuto generato automaticamente.

 

COME GOOGLE TRATTA I CONTENUTI AUTOMATIZZATI

Google ha reso molto chiaro il suo intento di agire contro i contenuti a basso valore informativo e generati automaticamente.

In un video per Google Webmasters, Matt Cutts (responsabile per la ricerca dello spam in Google) ha esplicitamente descritto come e perché Google punisca i contenuti auto-generati e a basso valore.

Il tipo di contenuto a cui Google si riferisce comprende:

  • Testo tradotto da uno strumento automatizzato senza revisione umana prima della pubblicazione.
  • Testo generato attraverso processi automatizzati, come ad esempio le catene di Markov.
  • Testo generato utilizzando le tecniche dei sinonimi o di offuscamento.
  • Testo generato dall’utilizzo di feed Atom/RSS o dei risultati delle ricerche.
  • Contenuti copiati e incollati da diverse pagine web senza aggiungere sufficiente valore.

Questi punti si basano sulla missione di Google volta a massimizzare l’esperienza degli utenti. Puoi trovare maggiori informazioni su questo argomento sulle linee guida Google per i webmaster, dove si approfondisce il tipo di contenuto che il motore non desidera trovare nei suoi risultati di ricerca.

 

CAPIRE LA MISSIONE DI GOOGLE

Il modo migliore per entrare con la tua testa nelle “best practices” SEO è capire la missione di Google. Google (e gli altri motori di ricerca simili) vuole presentare agli utenti la migliore esperienza possibile durante la loro ricerca online.

Come si ottiene questo? Offrendo i risultati di maggior valore in base ai parametri di ricerca degli utenti. Di conseguenza, diventa evidente che Google vada a premiare il tipo di contenuto che offre il massimo valore informativo ai propri utenti. Per questo motivo, il modo migliore per salire ai vertici dei risultati di ricerca in Google è quello di creare e gestire il miglior contenuto possibile per una specifica parola chiave o query di ricerca.

Per lungo tempo la quantità ha superato la qualità nel mondo dei motori di ricerca, ma oggi le cose sono cambiate.

Per lungo tempo la quantità ha superato la qualità nel mondo dei motori di ricerca, ma oggi le cose sono cambiate. Oggi le pagine che appaiono più in alto nei risultati delle ricerche in Google sono quelle che forniscono il maggior valore e le informazioni più accurate. Ed è quindi evidente come Google tratti invece i contenuti auto-generati.

 

L’IMPORTANZA DELLA TRADUZIONE UMANA

Non importa quanto avanzato possa sembrare il nostro mondo tecnologico. Non abbiamo ancora sviluppato una app o uno strumento che possa generare automaticamente dei contenuti di alta qualità. Dopotutto è per questo motivo che i copywriter e gli autori hanno ancora dei posti di lavoro in questo mondo del lavoro sempre più automatizzato.

Il tipo di contenuto che Google desidera vedere nei suoi risultati è qualcosa di artigianale e ben costruito, capace di offrire il massimo valore agli utenti. Noi esseri umani siamo ancora lo strumento migliore e più affidabile per creare questo tipo di contenuto. Ecco perché i servizi di traduzione e scrittura offerti dai professionisti sono così importanti.

I servizi di traduzione e scrittura offerti dai professionisti sono importanti.

Lo abbiamo già detto, ma vale la pena ripeterlo: scrittura e traduzione non sono assimilabili a equazioni matematiche o calcoli scientifici. Al contrario, le traduzioni e i contenuti ben scritti sono fondati su una profonda comprensione del soggetto, del contesto e del linguaggio. Le macchine non sono semplicemente in grado di gestire il tipo di comprensione e conoscenza che serve per creare traduzioni o contenuti di alto valore.

Non fraintenderci. Non vogliamo buttare tutte le traduzioni automatizzate nella spazzatura. Le applicazioni come Google Translate sono ottime per i casi in cui hai bisogno di una traduzione veloce e non ufficiale. Ma non puoi aspettarti che un’applicazione software troverà il modo migliore per presentare la tua campagna di marketing in russo.


Yuqo quotesL’unico modo per creare contenuti scritti multilingua e corretti dal punto di vista della grammatica, degli idiomi, delle convenzioni e del contesto è quello di lavorare con traduttori e autori umani e madrelingua.


DA OGGI SOLO TRADUZIONI E CONTENUTI PRODOTTI DA ESSERI UMANI

In Yuqo siamo orgogliosi di collaborare con i migliori autori, traduttori e designer per aiutare le imprese come la tua a creare il contenuto di alto valore che Google sta cercando.

A prescindere dalla tua lingua o dalla lingua di destinazione, possiamo aiutarti a sviluppare il tipo di contenuto che offre valore agli utenti e contemporaneamente domina i risultati dei motori di ricerca.

Contattaci oggi stesso per saperne di più sui nostri servizi e sui vantaggi di lavorare con traduttori, autori e designer umani.